venerdì 1 Luglio 2022 – Aggiornato alle 16:00

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Lo Sfogo

Covid, il sindaco di Montefiore: “In paese troppe bugie. Per evitare la quarantena scopro genitori che disconoscono i figli”

"In questo modo da quasi zero contagiati siamo arrivati a quindici". Potrebbe arrivare l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su print
MONTEFIORE DELL’ASO
Il sindaco di Montefiore, Lucio Porrà, tuona contro i bugiardi del Covid. Il primo cittadino parla infatti di alcune situazioni legate a persone che, ai responsabili del tracciamento dell’Asur, hanno dichiarato il falso. “Il tutto – spiega il sindaco – per evitare dieci giorni di quarantena. In questi giorni è emerso di tutto: genitori che disconoscono i figli, nonni che affermano di non vedere i nipoti, datori di lavoro e dipendenti che non si incontrano mai”.
Poi però incrociando i dati  è venuto fuori che le situazioni erano completamente diverse. “In questo modo – continua Porrà – da quasi zero contagiati siamo arrivati a quindici. Ora basta, o le persone dicono la verità oppure al primo contagio rilevato invierò lo stato di famiglia della persona interessata al personale dell’Asur. Oggi valuteremo se istituire l’obbligo di mascherine all’aperto e chiudere le scuole”.
la baia

Ultime notizie

mediateca

TI CONSIGLIAMO NOI…