Conte ha firmato il decreto. Tutti chiusi in casa fino a Pasquetta: “Se allentassimo pagheremmo un prezzo altissimo”

Print Friendly, PDF & Email

Come era stato anticipato due giorni fa dal ministro Speranza, il presidente del Consiglio Giuseppe COnte ha annunciato di aver firmato il decreto che proroga fino al giorno di Pasquetta, il prossimo 13 aprile, tutte le restrizioni che, in teoria, sarebbero scadute venerdì. “Se allentassimo ora – ha spiegato Conte – renderemmo vani tutti gli sforzi e i sacrifici fatti finora e pagheremmo un prezzo altissimo perché ci troveremmo a dover ricominciare tutto da capo”.

Il presidente del consiglio ha spiegato che il prossimo step sarà rappresentato la cosiddetta “fase due”, vale a dire la convivenza con il virus. “Non sono ancora in grado di dire – ha detto – se questa fase potrà aprirsi il 14 aprile o più avanti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA