Coltellate al ristoratore cinese che non voleva pagare il pizzo. Tre arresti a Villa Rosa

Print Friendly, PDF & Email

MARTINSICURO – Sono volati piatti e bicchieri, ma anche un coltello con il quale è stato ferito il titolare di un ristorante cinese di Villa Rosa teatro di una vera e propria spedizione punitiva. Da una prima ricostruzione dei carabinieri della stazione di Martinsicuro e del nucleo operativo della compagnia di Alba Adriatica, intervenuti sul posto, ci sarebbe stata una tentata estorsione ai danni del ristoratore da parte di tre cittadini cinesi residenti nel nord Italia. Una trasferta che stava finendo in tragedia e che fortunatamente è terminata con l’arresto dei tre malintenzionati.

Si tratta di un uomo di 33 anni, sua moglie di 39 e un’altra donna 52enne, finiti in manette. Si sarebbero presentati nel ristorante cinese di Villa Rosa avanzando una richiesta di denaro, 2mila euro subito. Poi di fronte all’impossibilità manifestata dal titolare di versare i soldi, i tre hanno reagito violentemente, cominciando a danneggiare gli arredi e i suppellettili presenti nel locale ed a gettare a terra le stoviglie e le bottiglie di liquore presenti nell’angolo bar.

Le indagini, coordinate dal tenente colonnello Emanuele Mazzotta, hanno però permesso di bloccare i tre cinesi, accusati anche di lesioni personali aggravate. Fortunatamente le condizioni del ferito non risultano gravi, nonostante sia stato colpito da tre coltellate al volto e ad un fianco ma in maniera superficiale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA