Aggressione a San Benedetto, la versione di uno dei ternani: “Preso di mira perché omosessuale”


Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non vuole esporsi né essere reso riconoscibile tanto che affida ad un giornalista di Terni la propria versione dei fatti. Siamo entrati in contatto con Adriano Lorenzoni, giornalista di Terni in Rete, che ci ha cortesemente creato un contatto con uno dei ragazzi finiti in ospedale dopo i fatti della notte tra mercoledì e giovedì. Il giovane umbro afferma di essere stato preso di mira per il suo abbigliamento. “Sia lui che i suoi amici, hanno pensato – riferisce Lorenzoni – che l’unico motivo per cui potesse venire preso di mira in quel modo fosse legato al suo orientamento sessuale tanto che gli altri ternani che erano con lui sono intervenuti e ne è nato un parapiglia fatto di spintoni e calci”. Il ragazzo prosegue affermando che il suo gruppo ad un certo punto è fuggito via perché gli altri giovani stavano avendo la meglio. “Se la sono vista brutta – continua il giornalista – e hanno cercato di andarsene ma sono stati inseguiti dall’altro gruppo che ha continuato a minacciarli. Alcuni di loro hanno anche sfondato rotto il vetro di una porta per entrare nell’abitazione dove, nel frattempo, alcuni giovani del gruppo degli umbri si era rifugiato. I ragazzi di Terni hanno tentato di fuggire attraverso un’uscita secodnaria ma sono stati raggiunti e malmenati”.
Questa è la versione dei fatti riportata dal giovane ternano corroborata dal fatto che alcuni ragazzi del gruppo avrebbero parlato, quella stessa notte, di “aggressione omofoba” all’arrivo al Pronto soccorso. Alcuni dei sambenedettesi sono stati identificati e convocati, nel frattempo, in caserma dai carabinieri. La loro versione parla invece di una rissa in cui sia il loro gruppo che quello degli umbri “le ha date e prese” ma sostengono in maniera categorica come la discriminazione sessuale non c’entri assolutamente nulla.
I carabinieri, alla luce dei riscontri in loro possesso e delle testimonianze prese, escludono che a monte ci sia una vicenda a sfondo omofobo ma che si sia trattato di una rissa legata all’abuso di bevande alcoliche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI