Addio a Mimì Fratoni, imprenditoria picena in lutto

Print Friendly, PDF & Email





ASCOLI PICENO – A settembre Emidio, per tutti Mimì, Fratoni avrebbe compiuto i suoi primi novant’anni. I primi novant’anni perché la sua è stata una vita così intensa ed avventurosa che per ripercorrerla non ne basterebbero altrettanti. Fratoni, è stato uno degli imprenditori ascolani più noti e più stimati. Qualche anno fa annunciò che stava ultimando il libro della sua vita.

Un libro che ancora non aveva però terminato perché voleva aggiungere sempre l’ultimo capitolo. Mimì era nato nel 1927, “Tempi davvero duri – scriveva nella bozza del suo libro -, altro che la crisi odierna”. Fratoni sarà ricordato per l’unità che impartiva alla famiglia e la sua grande fede dimostrata anche in un anniversario di matrimonio con la sua amata Giuditta, scomparsa qualche anno fa, in cui donò un opera sacra riproducente una Vergine alla parrocchia di Poggio di Bretta.

A piangere la morte del loro adorato nonno sono i nipoti Chiara, Flavio, Samuel e Valentino, i figli Domenico e Giovacchino, e le nuore Anna e Manuela oltre ai tanti parenti, congiunti ed i numerosissimi amici. I funerali si svolgeranno mercoledì mattina alle ore 9.30 presso la Chiesa di Poggio di Bretta.



CONDIVIDI