La differenza tra uomo e donna nelle demenze in un convegno al Calabresi

Print Friendly, PDF & Email

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il Progetto Donne in Neuroscienze e la Società di Medicina di Genere mirano a essere uno strumento al servizio delle donne medico, ricercatrici, scienziate, imprenditrici, manager della sanità e di tutte le donne che operano nel campo delle Neuroscienze. Ha l’obiettivo di stabilire una rete permanente di dialogo fra professioniste del settore, con un coinvolgimento capillare sul territorio, implementando una serie di attività tese all’ascolto e al sostegno, per potenziare e valorizzare la condizione lavorativa della donna, che ancora risente di una disparità di genere.

Dal 2012 ad oggi si sono svolti numerosi incontri nazionali (Milano, Palermo, Bergamo, Genova, Como, Roma, Firenze , San Benedetto del Tronto, Terni). Dopo il successo del 2015, il 1 e 2 Dicembre presso Hotel Calabresi l’evento si svolgerà, per la seconda volta, a San Benedetto, grazie all’organizzazione scientifica locale della Unità Operativa di Neurologia diretta dal Dr. Michele Ragno.

Tema dell’evento di quest’anno è: “Differenze di Genere nelle Demenze”. Le demenze costituiscono una delle sfide più importanti in ambito sanitario, sia in termini di ricerca sia in termini di assistenza. Nuovi sviluppi e profili di cura sono in corso di attuazione dopo il recepimento del Piano Nazionale Demenze del Gennaio 2015 a livello regionale e locale. Si tratterà di demenze (primarie e secondarie) analizzando le differenze di genere che, quando sono marcatamente rilevanti, implicano una diversa gestione e terapia.

L’evento, di alta rilevanza scientifica, vedrà la presenza di illustri relatori provenienti da tutta Italia (Milano, Palermo, Brescia, Napoli, Ancona, Chieti, Ravenna, Calabria). Parteciperanno, inoltre, i rappresentanti regionali della commissione Pari Opportunità, i presidenti nazionali del progetto Donne in Neuroscienze, gli esperti regionali responsabili del profilo e cura della persona con demenza e le associazioni dei malati di Alzheimer regionali e locali.

Tutti i medici della U.O. di Neurologia , anche in veste di moderatori e relatori, contribuiranno alla migliore riuscita del Congresso. Le tematiche spazieranno dalle demenze associate ad Epilessia, alla Sclerosi Multipla ed alla malattia cerebrovascolare acuta e cronica alle demenze su base genetica. Saranno affrontati gli aspetti psicologici del caregiver e descritta l’esperienza nazionale e locale dei centri diurni Alzheimer. Non mancherà il focus sui problemi etici e di fine vita di questa patologia drammatica e per il paziente e per le famiglie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI