Agricoltura biologica, si rinnova il direttivo del Biodistretto Aiab

Print Friendly

MONTEFIORE DELL’ASO – Lunedì 5 febbraio presso la sala Consiliare del Comune di Montefiore si è svolto l’ncontro promosso da Aiab Marche (Associazione Italiana Agricoltura Biologica) con i sindaci dei comuni intenzionati ad aderire alla ricostituzione del Biodistretto Il Piceno e alla presenza di diversi agricoltori locali. Occorreva da tempo fare una sintesi sul tema per individuare quali comuni sono intenzionati ad aderire. I Comuni presenti alla riunione erano i seguenti: Massignano, Montalto Marche, Moresco, Altidona, Montefiore, Altidona, Campofilone, Pedaso. L’incontro è servito a chiarire che rinnovando l’adesione al Biodistretto, gli enti locali continuano ad impegnarsi a diffondere nel territorio la cultura del biologico, attraverso iniziative di valorizzazione delle produzioni BIO locali e delle aziende che lo producono, sostenendole anche attraverso iniziative di sensibilizzazione al consumo del BIO. Possono aderire al Biodistretto anche le imprese, sia quelle in ambito agro-alimentare che quelle turistiche, contribuendo alla valorizzazione con menu biologici.

Durante la riunione è intervenuto Roberto De Angelis, Sindaco di Cossignano: <>.

L’entità del Biodistretto viene visto come un mezzo per sviluppare la cultura della vita sana attraverso la riscoperta quell’agricoltura biologica, fonte identitaria per il territorio. Presente all’incontro anche Enzo Malavolta, Presidente Aiab Marche, rivolge così il suo messaggio ai sindaci interessati ad aderire: <>.
Il prossimo passo sarà il rinnovo all’adesione del Biodistretto e successivamente la costituzione dell’associazione, per creare lo strumento operativo del patto territoriale. Gli obiettivi che il rinnovato Biodistretto si propone di perseguire saranno i seguenti: creare una rete di consumo di prodotti che diventi punto di riferimento anche a livello turistico; puntare sulla formazione dei ragazzi nelle scuole spiegando qual è l’agricoltura sana che nutre; organizzare eventi a tema di valorizzazione del territorio, con convegni e dibattiti per sensibilizzare il pubblico sulla cultura del biologico e sui benefici di uno stile di vita sano per la salute; riscoprire le risorse e la storia, le tradizioni, la cultura tipica del territorio perse a causa della globalizzazione.